Il trio nel leone

Questa è la prima di tre foto che non ho ancora pubblicato, frutto del lavoro dell’anno passato; questa addirittura risale ad aprile 2013.

sono 17 pose, ognuna da 20 minuti con il solito setup:
newton da 12″ f4
qhy8l
cgem

autoguida lodestar con guida fuori asse lacerta

Il mio obbiettivo era far emergere le regioni più esterne di queste galassie..in particolare la galassia che vediamo di taglio ha un lungo braccio di polveri; che nella mia foto è presente ma che non ho potuto esaltare perchè si è perso tra un gradiente e il rumore..

sono comunque molto soddisfatto del risultato.

finalissimaweb2

Critiche e commenti sempre ben accetti!

Cieli sereni, alla prossima!

Luciano

Il planetario alla Fiera del Levante

E’ con grande piacere che pubblico queste foto dall’interno del planetario skyscan che è stato allestito all’interno della fiera del levante..
Lo stacanovista Pierluigi Catizone è il responsabile italiano del progetto planetario che sarà a disposizione del pubblico anche nei dieci mesi a seguire.
Un’ottima opportunità per la comunità barese viste le qualità tecniche di questo planetario dalle generose dimensioni, ed anche dall’eccellente preparazione di Pierluigi Catizone già direttore del Planetario di Bari.

All’interno della biglietteria sono esposte alcune delle mie foto 🙂

E’ possibile fare astrofotografia senza telescopio? [test 70-200L]

Non è una domanda banale, e neanche la risposta lo è.. Sicuramente l’unica parte del setup di cui non si può fare a meno è la montatura equatoriale..ma ne esistono alcune estremamente portatili studiate appunto per la fotografia con la reflex e qualche ottica leggera.

Già in passato avevo fatto delle prove con un vecchissimo 135 Zeiss che si era dimostrato decisamente all’altezza!! Qui qualche esempio..la reflex utilizzata è una 350d modificata (per aumentare la sensibilità al rosso).
Ma con l’arrivo del ccd avevo ormai abbandonato questa strada..

 
Stimolato dalle ECCEZIONALI prestazioni in termini di rumore della 6d mi son detto che valeva la pena fare una prova..
Il candidato numero uno è stato il 70-200 L f4 della canon..Perfetta nel diurno, mi ha dato gradi soddisfazioni, ma la notte..bè è li che i vetri devono mostrare di che pasta son fatti..
In astronomia servono correzioni sia geometriche che cromatiche molto spinte che nel diurno non si notano neanche..

 

Bando alle ciance!
il 70-200L è un’ottima ottica anche per l’uso notturno..ad f4 presenta un minimo di residuo cromatico e del coma..che scompare a f5,6..diaframma però un pò troppo scuro..
Quindi o ci si accontenta o si evita di utilizzare una ff..

Questa foto/prova è di poco meno di mezz’ora..con pose da 3 min a 1600 iso focale 200 con la 6d..
doppioammassoweb
Al centro c’è il doppio ammasso del perseo..e intorno c’è un tappeto di stelle e polveri..
sono presenti anche delle nebulose..ma essendo la reflex non modificata ovviamente ha un canale rosso veramente scarno di informazioni..
Insomma test molto promettente..il passo successivo è usare quest’ottica con la ccd..

Unica nota “negativa” abituato alla messa a fuoco dei telescopi..c’è da lavorare un pò per trovare il fuoco preciso.

To be continued..

Mostra fotografica a Conversano 6 Giugno 2013

Aggiorniamo un pò il blog..
Un pò preso dagli impegni universitari ed altre distrazioni ho dimenticato di pubblicare un pò di foto della mostra fotografica che ho tenuto a Conversano dal 6 al 9 Giugno all’interno dei locali della proloco..in concomitanza con la sagra delle ciliegie..

Un ringraziamento particolare..oltre che all’associazione Antiche Ville che mi ha permesso di esporre, anche a Pietro, Alex e Cecilia per il fondamentale aiuto e sopratutto per la compagnia!!

Ps Alex grazie anche per le fotooooo 🙂
webIMG_5368 webIMG_5378 webIMG_5435 webIMG_5451webIMG_5563 webIMG_5456

This is my way..my Milky Way

Prima luce per il samyang 14 mm..devo ancora imparare a gestirlo..sopratutto il fuoco..ma dalle prime foto si dimostra ben oltre le mie aspettative..per essere un’ottica “economica” sembra progettata per fotografare la via lattea..

Partiamo con Michele..passiamo da Ruvo a prendere (purtroppo) Alessandro,e si parte..ci avviciniamo a Castel del Monte per delle misurazioni con sqm (per i non addetti è un aggeggio che misura la qualità del cielo)..

La cena di Michele.. ahhaha

La cena di Michele.. ahhaha

Arriviamo ma la luna da fastidio..e soprattutto come si evince anche dalle foto l’orizzonte non è propriamente privo di inquinamento luminoso..

I tre dell'apocalisse.. Ad Alessandro faceva caldo..  haha

I tre dell’apocalisse.. Ad Alessandro faceva caldo.. haha

Arriviamo alla foto..sta 6d in campo astronomico ha parecchio da dire..la gestione del rumore è spaventosa..mai visto nulla di simile..

EDIT Nuova elaborazione ..ho scurito le fronde degli alberi..visto che sembrava effettivamente giorno..

EDIT Nuova elaborazione ..ho scurito le fronde degli alberi..visto che sembrava effettivamente giorno..

Forse ho esagerato con la saturazione.. ma fa nulla a me piace così ;-)

Forse ho esagerato con la saturazione.. ma fa nulla a me piace così 😉

C’è un ampio margine di miglioramento..Alla prossima..

Cieli sereni

Luciano

NGC 6960.. Agg..8 ore totali

Ho integrato con altre 5 ore sempre con pose da 10 min per aiutare la regione più esterna ad emergere..

gestire i vari gradienti e il segnale non è stato semplice..ma posso ritenermi soddisfatto di questa foto..sperando di riuscire a portare a termine l’dea del mosaico..

finalissimaweb

crop al 100%

crop al 100%

questa la vecchia versione

NGC 6960 è in realtà la parte meno luminosa di questa nebulosa..e la presenza della stella 52 cygni di certo non aiuta nell'elaborazione..

NGC 6960 è in realtà la parte meno luminosa di questa nebulosa..e la presenza della stella 52 cygni di certo non aiuta nell’elaborazione..

Critiche e commenti sempre ben accetti!!

Ngc 6888 Nebulosa Crescent

Questa foto è il risultato di due notti, per un totale di 8 ore d’integrazione (sub da 10 min) con il solito setup cgem, newton da 12″ e qhy8l..che devo dire inizia a darmi grandi soddisfazioni..

Ho lasciato passare del tempo per la pubblicazione di questa foto, perchè nonostante una grande quantità di segnale, la presenza eccessiva di stelle e di un fondo cielo colmo di gas diffuso mi ha messo in difficoltà nell’elaborazione. Mi ero fatto prendere la mano esaltato dal segnale..ed ecco la foto rovinata..alla terza rielaborazione, anche grazie ai consigli degli amici sui forum..spero di aver ottenuto un giusto compromesso..rendendo il fondo cielo più scuro rispetto la nebulosa e cercando di calmierare le stelle che erano veramente invadenti..

CRESCENT FINALEWEB

Critiche e commenti sempre ben accetti!!!

Cieli sereni

Luciano

La prima parte della Nebulosa Velo NGC 6960

E’ l’ultima foto fatta durante il periodo di alta pressione.. risale al 19 Giugno..intendevo effettuare almeno il triplo dell’integrazione (sono solo 3 ore con subframes da 10 min) ma purtroppo la presenza della luna ha pregiudicato parecchio il risultato finale..

Quindi lo considero un work in progress..visto anche cosa ho in mente..

NGC 6960 è in realtà la parte meno luminosa di questa nebulosa..e la presenza della stella 52 cygni di certo non aiuta nell’elaborazione..

NGC 6960 è in realtà la parte meno luminosa di questa nebulosa..e la presenza della stella 52 cygni di certo non aiuta nell’elaborazione..

Ecco la foto in negativo per mostrare i veli della parte superiore ed intorno alla stella..

Ecco la foto in negativo per mostrare i veli della parte superiore ed intorno alla stella..

Inoltre la presenza della luna mi ha creato sgraditi gradienti..che questa volta sono riuscito a correggere..

Critiche e commenti sempre ben accetti

Cieli sereni
Luciano!

M11 L’ammasso aperto che si spaccia per globulare

Rielaborazione che la dedico ad una nuova astrofotografa!

Lucius' Blog

Siamo nella costellazione dello scudo, subito al di sotto dell’aquila..in piena via Lattea.

La particolarità di questo soggetto è quella di essere un ammasso aperto come le pleadi, ma per la sua compattezza di assomigliare ad un ammasso globulare, come m13.

EDIT:in occasione della serata di ieri 24 giugno 2013..dove ho conosciuto una nuova amica astrofotografa, ho rielaborato questa foto..chissà quest’anno se trovo del tempo per rifare questa foto..visto che ora ho risolto tutti i problemi riguardanti le flessioni..

finalejpweb

Sono solo 6 pose da 5 min con la solita strumentazione
Purtroppo essendo molto bassa il seeing era pessimo.

View original post

Sadr..nel cuore del cigno..

Ieri notte sfruttando questo fortunato periodo di alta pressione..nonostante la luna sia tramontata molto tardi, ho deciso di fotografare lo stesso..sono solo 3 ore..ma con un eccellente rapporto segnale rumore..inoltre ho potuto utilizzare una vecchia ripresa in halfa..che ho miscelato sia alla luminanza che al rosso, e in bassissima percentuale al blu..non che ce ne fosse bisogno..ma il contributo dell’halfa è stato importante per qualche dettaglio più fine..

Pose da 10 min con il solito setup:
Newton Orion Uk 12″
Cgem
Qhy8l

Sadr..la stella centrale nella costellazione del Cigno..

Sadr..la stella centrale nella costellazione del Cigno..circondata da gas idrogeno e polveri..

Questa la precedente versione in halfa eseguita con la reflex..con un’integrazione totale di 8 ore..

8h in halfa con la reflex..ripresa di un paio di anni fa..

8h in halfa con la reflex..ripresa di un paio di anni fa..

 

EDIT:
ho eseguito una piccola rielaborazione:

Foto a piena risoluzione

Foto a piena risoluzione

 

Crop al 100%

Crop al 100%

Alla Prossima Cieli sereni!
Luciano