Testando il filtro o3.. Crescent Nebula

Ieri sera sono venuti a trovarmi Michele e Alessandro per condurre dei test su una montatura e sulla mia camera di autoguida..mentre stiamo per smontare alessandro mi dice di aver comprato anche un filtro ossigeno 3..come resistere alla tentazione??

1897665_10204286844801578_3872921964409009922_n

Ho sempre desiderato fotografare la crescent e tirar fuori la “bolla” di ossigeno che la circonda..grazie al telescopio luminoso già in rgb complici 8 ore di integrazione era accennata..ma ieri sera ho deciso che era il momento di fare sul serio..pose da 20 minuti e via..per un totale di 4 ore (3 pose buttate per il vento troppo forte)..

sicuramente la difficoltà maggiore è quella di combinare l’O3 con i canali..all’inizio avevo scelto di dar maggior peso al verde e poco al blu..ma subito mi sono reso conto che dovevo fare l’esatto opposto..

 

Visto che mi si contesta sempre l’eccesso di saturazione, questa volta almeno sull’ossigeno non ho applicato la solita saturazione..

CRESCENT o3web

Qui la versione precedente..

Cieli sereni!

Ps ringrazio ovviamente Alessandro e Michele per la bella compagnia..alessandro non lo ringrazio per il filtro perchè me lo doveva 😛 ahahah

Annunci

Recensione filtro IDAS lps (2 generazione)

Questo articoletto vuol essere un piccolo elogio a questo filtro, che secondo me non dovrebbe mancare in nessuna valigetta da astrofotografo!

Dopo lunghe ricerche, confronti, e letture varie, visto che tutti ne parlavano bene, mi capita un’offerta da un utente del forum e acquistai questo filtro..ad oggi penso che sia il miglior acquisto che io abbia fatto fino ad adesso..

2 sono i punti di forza..

1.I tempi di esposizione possono essere addirittura quadruplicati..

2.Il bilanciamento dei colori è semplice, al contrario di vari cls e uhc!

Cosa meglio di alcuni esempi possono dimostrare come stanno i fatti?

NB. tutte le foto sono state fatte con lo stesso setup (newton f5 da 20 cm) stesso iso, però con 350d e 450d

CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE!

Ecco la prima foto..la iris (ngc 7023) SENZA FILTRO!!!

a f5 un newton da 20 cm..oltre i 5 min di esposizione non è possibile spingersi..da notare nell’immagine a sinistra come l’istogramma sia già verso destra ovvero verso la sovraesposizione.. inoltre nella seconda immagine notiamo come vi sia una fortissima esuberanza del rosso..che va domato nella post elaborazione..

La seconda foto sono le pleadi..foto da 10 min..CON FILTRO!!

Da notare sempre l’istogramma…come in questo caso con ben 10 min di esposizione non siamo ancora arrivati al limite..

Passiamo all’ultimo esempio..le stesse pleadi di prima, ma con un’esposizione di ben 20 min!!! CON FILTRO!!

L’istogramma si posiziona in un punto perfetto..anzi volendo si potrebbe anche esagerare ed arrivare a 25 min..e cosa più importante è l’istogramma della seconda foto che mostra i colori del raw..sono già allineati..questo dimostra che il filtro non interviene sui colori ma solo sulle bande che danno inquinamento luminoso..


Unica nota

Le foto alle pleadi sono effettuate con una 450d non modificata..ma ho effettuato prove anche con canon modificate..ovviamente non avremo una correzione perfetta, però le curve blu e rossa coincidono sempre! e in ogni caso la correzione da fare è semplice da effettuare, non mette in difficoltà!

Conclusione:

E’ davvero un filtro eccellente..permette di giungere a buoni risultati anche da cieli mediamente inquinati..infatti tutte queste prove sono state effettuate a 20 km da bari e a 3 da Mola..quindi un cielo quasi suburbano..unica pecca..il costo un pò eccessivo rispetto agli altri filtri..che però poi sarà ripagato da migliori prestazioni e meno bestemmie quando non si riescono a bilanciare i colori!!

Spero di aver aiutato qualcuno nella scelta dei filtri interferenziali..specialmente chi come me si affaccia ora nell’ambito dell’astrofotografia..e magari si trova spaesato!

Un saluto a Franco Gissi, che con le sue domande mi ha spinto ha scrivere l’articolo!

Cieli sereni